TAGS CLOUD
Incrementa dimensioniDecrementa dimensioni
Ottenere di più da OpenOffice.org
Estensioni e modelli. Ancora poco conosciuti, consentono di “estendere” la suite per l’ufficio. Ecco come servirsene
(pagina 1 di 5)
Sotto il nome OpenOffice.org si nasconde un insieme di programmi per l’ufficio potenti e ormai maturi. La suite integra Writer (forse il più noto ed utilizzato) per la stesura di documenti di testo, Calc per la composizione di fogli di calcolo, Impress per la redazione di presentazioni multimediali, Draw per la realizzazione di disegni e diagrammi e, infine, Base per la gestione di database. La suite Open Source è ormai praticamente presente su tutte le distribuzioni GNU/Linux, ma anche molti utenti di altri sistemi operativi la utilizzano con profitto poiché, oltre ad utilizzare un formato standard (vedi box “I formati dei file”), costituisce una più che valida alternativa gratuita ai costosi prodotti proprietari per l’office automation. Nonostante questo, però, ci sono aspetti ancora poco conosciuti e poco utilizzati che, se sfruttati a dovere, estendono le già ottime caratteristiche di OpenOffice.org. Seguiteci e vi mostreremo come utilizzarli per aumentare la vostra produttività.
I formati dei file
Quelli di OpenOffice.org sono uno standard ISO
Oltre ad essere in grado di gestire i formati di documenti dei noti programmi che compongono il pacchetto di Microsoft Office, OpenOffice.org ha un formato nativo di salvataggio dei documenti. OpenDocument, che è stato approvato come standard ISO nel 2006 (ISO/IEC 26300) e, successivamente, il 25 gennaio 2007 è divenuto anche uno standard UNI. Per questo motivo, le Amministrazioni Pubbliche di vari Paesi europei l’hanno adottato come standard per i propri documenti.

I plug-in di openoffice.org
Nonostante l’utilizzo dei vari applicativi di OpenOffice.org sia piuttosto intuitivo e le funzionalità riescano ad accontentare una grande varietà di utenti, dall’uso domestico fino a quello professionale, è comunque possibile rendere più agevole la realizzazione dei documenti (testi, fogli di calcolo, diagrammi...) per mezzo di appositi schemi pronti all’uso, i modelli appunto. Inoltre, a partire dalla versione 2.0.4, OpenOffice.org permette di estendere le sue funzionalità di base per mezzo di opportuni plug-in, chiamati estensioni, in maniera semplice e del tutto analoga a quanto avviene con il browser Firefox.
Pagina 1/5
Lascia un commento
Tag: OpenOffice.org, estensioni, modelli, Writer, Calc, Impress, Draw, Base
Condividi