TAGS CLOUD
Incrementa dimensioniDecrementa dimensioni
OpenTTD: il signore dei trasporti
Se le attività manageriali sono il tuo forte e ami i giochi di strategia, finalmente hai trovato quello che cercavi da una vita. Scopri se è così!
(pagina 3 di 4)


Il trasporto del carbone
Aggiungiamo un mezzo di trasporto e guadagnamo i primi soldi sugli investimenti fatti
Tipo autocarro


Doppio click sul deposito per aprire il “Deposito automezzi di...”. Premiamo su Nuovi veicoli/Nuovi automezzi e scegliamo Autocarro carbone Balogh, infine premiamo Costruisci veicolo. A questo punto il veicolo farà parte del “Deposito automezzi di...”.
Direttiva scarico


Costruito il veicolo apparirà la finestra Automezzo1. Qui, clicchiamo sull’icona che riporta una freccia spezzata (evidenziata) e clicchiamo sull’area di carico della centrale. Evidenziamo la voce apparsa in Automezzo1(Ordini) e poi premiamo il pulsante Scarica.
Il trasporto


 Ripetiamo lo stesso procedimento per la miniera di carbone, ma questa volta in Automezzo1(Ordini) clicchiamo sul pulsante Carica. Le direttive sono terminate. Nella finestra Automezzo1 clicchiamo sul pulsante Fermo (passo 2) per avviare il mezzo.
Modalità di gioco
Il concetto alla base del gioco è piuttosto semplice. In pratica, “un gruppo di persone per poter vivere necessita di beni primari e quindi dello scambio di merci tra le diverse attività presenti all’interno della comunità nonché tra l’insieme delle comunità”. Questi generi di primaria importanza possono essere il latte, il frumento, ecc., e naturalmente chi è produttore sarà, per poter vivere, anche consumatore. Un altro bene è il carbone estratto dalle miniere necessario alle centrali elettriche per produrre energia. Tutte queste merci hanno un denominatore comune: per poter essere utilizzate vanno prima caricate dal luogo di produzione e trasportate a quello di consumo. Per fare questo occorrono delle strade percorribili affinché i mezzi preposti possano trasportarle. Il primo passo, allora, è individuare due attività tra loro “complementari” quali, ad esempio, una miniera di carbone e una centrale elettrica che lo utilizza, e poi costruire una strada di collegamento tra queste. Questo aspetto è illustrato nel secondo e terzo tutorial facendo riferimento al caso di una nuova partita. Durante il normale svolgimento del gioco appariranno diversi messaggi inerenti l’andamento economico delle attività e non solo. Ad esempio, nel terzo passo del terzo tutorial, dopo aver costruito la strada di collegamento tra la miniera e la centrale elettrica, al trasporto delle prime tonnellate di carbone appare il messaggio che i cittadini festeggiano questa svolta per il loro paese (notate in questo stesso passo il camioncino evidenziato che va a scaricare alla centrale il carbone prelevato dall’area di carico della miniera). Ovviamente, maggiori saranno le tonnellate trasportate (compatibilmente con quelle estratte dalla miniera) e maggiore sarà il guadagno. Gli aspetti del gioco da tenere in considerazione sono veramente tanti: non ci si limita solo alla costruzione delle strade per autocarri da trasporto, ma occorre costruire anche aeroporti e strade ferrate. Da osservare che non si è da soli a fare tutto questo ma, in base alle impostazioni scelte (menu Difficoltà visibile nel secondo passo del secondo tutorial), dopo un “tot” di tempo entrano in gioco anche i BOT (personaggi) gestiti dal computer ovvero costruttori virtuali che diventano reali nel caso della modalità di gioco multiplayer in rete. Come visto nel primo tutorial le voci relative alle impostazioni sono diverse decine e sarebbe impossibile elencarle tutte, tra le altre segnaliamo la possibilità di terminare il gioco in un determinato anno, ad esempio il 2025, per verificare all’età di 75 anni cosa siamo riusciti a costruire. Ricordiamo che di default il gioco inizia nel 1950, data che è possibile modificare nella generazione del mondo (primo passo del secondo tutorial). Per iniziare, suggeriamo di mantenere i livelli su valori predefiniti, mentre quello relativo alla difficoltà su Facile. Buon divertimento!
Piattaforme supportate
Da GNU/Linux e PocketPC a Palm OS
Elencare tutti i porting di OpenTTD sarebbe estremamente lungo, quindi segnaliamo quelli più “significativi”. Oltre che per i classici GNU/Linux, Mac OS X e Microsoft Windows, troviamo FreeBSD, PocketPC e Palm OS. Tra i porting non ufficiali di rilievo ci sono l’AmigaOS, PSP e iPhone/iPod.
Pagina 3/4
Lascia un commento
Tag: OpenTTD, trasporti, Open Source, gioco manageriale
Condividi